13.10.12

Il 30 maggio partirà da Livorno la quarta edizione che si concluderà a Punta Ala dopo aver navigato tra le isole dell'Arcipelago toscano.

Nella giornata che la Federazione Italiana Vela e l’Unione Vela d’Altura Italiana hanno dedicato alla vela d’altura, presso lo stand della FIV al Salone Nautico di Genova, si è svolta anche la presentazione della quarta edizione della 151 Miglia-Trofeo Celadrin, l’ormai celebre regata organizzata dallo Yacht Club Punta Ala e dallo Yacht Club Repubblica Marinara di Pisa, con la collaborazione dello Yacht Club Livorno e la sponsorizzazione di Celadrin, brand della casa farmaceutica Pharmanutra.

Alla conferenza erano presenti Roberto Lacorte, Presidente dello Yc Repubblica
Marinara di Pisa, Alessandro Masini, vice-Presidente dello Yc Punta Ala, e Carlo Volpi, in rappresentanza del main sponsor Celadrin by Pharmanutra, che hanno illustrato a grandi linee le principali novità di questa 151 Miglia-Trofeo Celadrin 2013, regata d’altura che partirà da Livorno il 30 maggio per concludersi a Punta Ala dopo 151 miglia di navigazione tra le isole dell’Arcipelago toscano, una rotta spettacolare che l’anno scorso ha attirato ben 114 barche sulla linea del via.

La novità tecnica per il 2013 riguarda la divisione della flotta tra barche Orc International e Irc, quindi non sarà più possibile effettuare una doppia iscrizione ma si dovrà scegliere tra un sistema di stazza o l’altro.

Da sottolineare anche che la 151 Miglia, come negli anni precedenti, sarà una delle tappe del Campionato Italiano Offshore della Federazione Italiana Vela e che l’organizzazione ha allo studio una serie di novità, legate principalmente all’accoglienza a terra dei partecipanti, a partire dalla serata di gala, in programma sabato 1mo giugno, che ripercorrerà la rotta della 151 Miglia dal punto di vista enogastronomico.

Sul fronte delle iscrizioni, invece, la maggior parte dei partecipanti dell’ultima edizione ha già confermato la propria presenza anche per l’anno prossimo, a cui vanno aggiunti altri armatori molto noti nell’ambiente delle regate, che hanno manifestato un grande interesse per questa giovane regata diventata già un classico del calendario offshore del Mediterraneo.

Ritorna a: »News